andrea conte fastweb incrementare le vendite con il wifi. Il mondo

Condividi sui social

Fastweb accelera sul Wi Fi

Con un modem-decoder che trasmette programmi, film e foto del pc
Fastweb punta su contenuti e interattività coniugando digitale terrestre Da settembre, infatti, sarà possibile acquistare programmi e servizi tv distribuiti da Fastweb anche senza un contratto per voce e Internet (come avveniva finora). In ogni caso, per chi vuole navigare sul web o utilizzare le chiamate in modalità Voip è comunque prevista una tariffa a consumo. La nuova piattaforma del gruppo milanese si chiama Iptv 2.0. Si basa su due strumenti sviluppati internamente dall’operatore: innanzitutto un modem Adsl 2 plus capace di trasmettere fino a 20 mbps via wi-fi (con standard Ieee 802.11.g e limite di 54 mbps). L’altro dispositivo è la VideoStation, che è un autentico media center: contiene la scheda del digitale terrestre, consente la visione ad alta definizione (risoluzione 1920×1080) di film e programmi scaricati dal modem e si collega senza fili anche con il pc per con-sentire la visione sull’apparecchio tv di foto e video. In questo modo si crea all’interno della casa o del-l’ufficio una rete wireless. «L’obiettivo è quello di cogliere un segmento di mercato che rientra nel potenziale dei 7-8 milioni di fami-glie che guardano la tv», spiega Andrea Conte, direttore della divisione Residential e business di Fastweb. «E se Sky ha una quota di 4,4 milioni di abbonati, significa che esiste una parte rilevante di questo bacino che, pur interessata alla tv a pagamento, non ha ancora trovato nelle proposte attuali un’offerta interessante. Per esempio, perché non vuole o non può installare l’antenna a parabola». Il pacchetto base costa 20 euro al mese e include i canali nazionali, il digitale terrestre in chiaro, On tv e Cartoon network in modalità Vod (video on demand), quattro prime visioni gratuite. Ma è anche possibile abbonar-si alla programmazione completa di Sky in versione pay per view. «Così l’utente può costruire il proprio palinsesto. Il nostro approccio strategico consiste nella varietà dei contenuti e nella modalità di fruizione. Per esempio, le visioni on demand su Fastweb sono 33 milioni e la metà vengono generate dal servizio Reply tv, che mette a disposizione, registrata, gli ultimi tre giorni di programmazione nazionale», conclude Conte. Monica Battistoni

 


Condividi sui social